IL PAESE - STORIA E LUOGHI D'INTERESSE - Chiesa della Confraternita del SS. Nome di Gesù

English

La chiesa della confraternita del SS. Nome di Gesù e dei Battuti Bianchi, dal colore del saio che indossavano durante le cerimonie, fu progettata dall'architetto Luigi Molinari d'Andorno nella prima metà del Seicento.

La chiesa è a navata unica e coro rettangolare, con la facciata suddivisa in due ordini coronati da un timpano e raccordati tra loro da due volute.

Nell'Ottocento la confraternita si sciolse, la chiesa fu abbandonata e successivamente, durante la prima guerra mondiale, adibita a magazzino.

La facciata dell'edificio, in puro stile barocco, conserva notevoli doti di armoniosa eleganza scenografica, movimentata da lesene, volute e nicchie, da un riquadro un tempo affrescato e da una grande finestra sommitale incorniciata.

Di particolare effetto la scalinata di accesso in pietra e il massiccio portone in legno scolpito, eseguito dall'incisore Varetti nel 1816.

Attualmente è proprietà del Comune.


Chiesa della Confraternita del SS. Nome di Gesù o dei Battu a Pecetto Torinese

Powered by: Studio Menozzi